Lunedì, 27 Novembre 2017 09:05

TRA SOGNO E MEMORIA, PASSIONE E DESIDERIO. LA POESIA RIBELLE DI PARIDE POLIDORO.

Scritto da
Valuta questo articolo
(1 Voto)

Il sogno dell'anima ribelle. Bianco cavallo. Il tuo amore assomiglia. 

IL SOGNO DELL’ANIMA RIBELLE

 

Ecco ora in questa placida notte

si scorge una piccola onda di rosso
e d'azzurro scuro, incorniciata da lievi fronde.

Il sospiro di un vento
punteggiato da una stella eterna ed antica

che si fonde
in dolci fremiti

e tu piccolo e bianco amore.

Notte di passione

in quest’anima furente

che scende nell’eden del sogno perduto

immenso amore

lasciati inebriare.


La linfa del tuo volto e della tua anima

dà alla testa

confonde il cuore
mentre corro e divago verso la ricerca del tuo bacio senza fremito

 ma perso nella magia del nostro incontro nel cielo.
Palpita amore mio.

Il cuore è un folle un romanzo
quando, nel pallido chiarore d'un riverbero
passa un angelo
e si ferma all'ombra del nostro abbraccio tremendo

perso nel nostro oblio.

 

In questo oblio dove rimango fermo

con il respiro del mio cuore

che sprofonda nell’infinito

del senso del passato.

 

Ed allora scendo verso l’abisso

del mio abbraccio con l’angelo perduto

e con il canto dell’albatros ferito

ma con gli occhi spalancati verso

la rinascita del suono incantato.

 

In questo oblio dove il mattino

si ferma nell’oasi dei passi senza fretta

e nel mistero della rinascita

dell’uomo cosparso del sorriso divino

in questo vento violento.

 

Violento nella corsa degli angeli

pieni di anima, del ricordo mai infranto

del nostro cammino

tra il sole e l’aurora

 

pieno di amorevole silenzio

costruito per il nostro sogno.

 

Il sogno della ribellione

il sogno del sorriso dell’eterno

il sogno del nostro volo

oltre le nubi che chiudono

 

il pensiero che urla nella gogna dello spazio imperfetto.

 

Bianco cavallo

 

Arriverò nel vento per riposare
nei tuoi occhi.
Arriverò nella pioggia
per tenere le tue mani
strette nelle mie e portarti poi nella pioggia
e nel vento.
Arriverò senza cavallo
io pastore della mia terra arcaica
e pneumatologico essere
dell'universo senza stelle
per portare la stella del tuo corpo
verso questo universo.
Correrò con te
abbracciato al tuo respiro
per portarti nel deserto dell'oblio.

 

Scenderò poi

verso il fiume della libertà

per assaporare il vento

del silenzio

e raggiungerti tra il sogno

e la linfa dell’universo senza senso.

 

Porterò il mio corpo

contro la tempesta dell’amore perduto

per iniziare a camminare

nel deserto abbandonato del mio vivere

ed entrare nell’oblio

dove regna l’essenza dell’essere

del povero animale perduto.

 

Ora sono smarrito ma vivo

smarrito ma ebbro

della libertà del mio passato fecondo.

 

IL TUO AMORE ASSOMIGLIA

 

Il tuo amore assomiglia 
al mio desiderio perduto. 
Oh sospiro ď ambra, sogni, sguardi.
Ma tu non sei rimasta sempre con me.
La mia memoria è ancora oscurata
dalľ averti vista venire e andare. 
Il tempo si serve delle parole come ľ amore.

 

Letto 492 volte
Altri articoli in questa categoria: « FORESTA IL LIBRO DELLA SETTIMANA »
Effettua il Login per inserire i tuoi commenti