Giovedì, 26 Marzo 2020 18:23

IO, STUDENTE AL TEMPO DEL CORONAVIRUS. UN SOFFIO DI…SPERANZA.

Scritto da
Valuta questo articolo
(0 voti)

IL CONTRIBUTO DI ELEONORA ROCCI DELLA CLASSE 3^ B SIA

In questo periodo di difficoltà, in cui impazza l'epidemia causata dal coronavirus, la nostra arma vincente è restare a casa, anche perché questo giusto comportamento potrebbe salvare una nonna o addirittura una città.

Un giorno tutto questo finirà, ritorneremo alla nostra vita quotidiana, ritorneremo alle nostre passeggiate, a guardare il mare, a ridere e saremo più forti di prima!

Mi sconvolge molto il fatto che si sia fermato il mondo da un minuto all’altro, che siano scomparsi gli abbracci, le chiacchiere tra gli amici ...

 Mi preoccupa la nostra economia che farà fatica ad essere come prima, ma con tutte le nostre forze, sono sicura, vinceremo anche questa dura battaglia!

Anche in ambito scolastico vi sono state una serie di difficoltà poiché le mamme, noi stessi, i professori eravamo tutti preoccupati per l’istruzione.

Ma poi un giorno mi sono resa conto, guardando il TG, che le persone , in molti Paesi del mondo, stanno morendo.

Ho realizzato che la scuola non era al primo posto nella graduatoria  dei problemi e che c’erano tante altre cose che ora venivano prima come la famiglia e la salute.

E così, finalmente, ho compreso che restare  a casa aveva un senso!

In questi giorni di quarantena ho riflettuto molto, su di me, sui miei amici, su mia madre e sulle madri in generale a cui non importa se i loro figli non svolgono tutti i compiti assegnati e neanche si rammaricano se i ragazzi restano indietro con il programma.

INDIETRO RISPETTO A CHE COSA?!

Questo è un tempo che ci insegnerà altro, ciò che non troveremo in nessun libro. Impareremo a confrontarci con la vita!

A seguire l’unico programma in continuo divenire che è pieno di imprevisti e di interrogativi che forse mai troveranno risposte.

Noi giovani impareremo il rispetto per noi stessi e per gli altri ed apprezzeremo la vicinanza delle persone care perché per molti, neanche questo è scontato!

Impareremo ad adattarci a queste ore dilatate, chiuse nella nostra stanza che riempiremo delle nostre riflessioni.

Impareremo ad apprezzare quello che abbiamo, ora che non ci sono vestiti e giochi nuovi.

Impareremo ad accontentarci del cibo che c'è sulla nostra tavola.

Impareremo a farci crescere dentro la forza di dire :“ANDRÀ TUTTO BENE”, anche quando il mondo fuori  grida il contrario.

Impareremo a diventare grandi e maturi abbastanza per capire quando arriverà per tutti il momento di fermarsi, prendere aria, raccogliere le forze e soffiare sulla SPERANZA.

Letto 441 volte
Effettua il Login per inserire i tuoi commenti