Martedì, 31 Marzo 2020 09:41

IO, STUDENTE AL TEMPO DEL CORONAVIRUS L’ALBERO DELLA VITA

Scritto da
Valuta questo articolo
(0 voti)

IL CONTRIBUTO DI CHIARA BETTUCCI DELLA CLASSE 3 B SIA

Dal 9 marzo la vita di noi cittadini italiani è cambiata. Viviamo ormai di speranza. Il nostro più grande desiderio, in questo momento, è di tornare alla normalità. Viviamo di questa speranza.

Siamo tutti in quarantena!

Questo, tuttavia, può avere anche aspetti positivi. Può essere vissuto come un periodo di avvicinamento non solo alla nostra Patria, ai nostri concittadini o ai nostri familiari, ma anche come un momento di riflessione che successivamente ci porterà più vicini ai nostri obiettivi e alle nostre aspirazioni.

Magari scriveremo una poesia, una canzone, pur non sentendoci all'altezza.

Oppure ci cimenteremo nella cucina, nella danza, divoreremo quel libro ricoperto di polvere perché non abbiamo mai avuto tempo di leggerlo e lascieremo da parte le solite serie televisive.

Molte persone vivono nello sconforto non potendo avere accanto i propri cari. È triste vedere la stessa luna ma da stanze differenti!

 Un giorno, usciti da tutto questo, apprezzeremo di più una carezza, un bacio o un abbraccio, questi gesti importanti che mai dovrebbero essere scontati! 

Un giorno, grazie a questi momenti difficili che abbiamo vissuto, capiremo quanto la vita sia importante ed anche  piena di imprevisti!

Da un momento all'altro, infatti,  siamo stati catapultati in una situazione surreale e, in molti casi, senza avere la possibilità di portare a termine un lavoro iniziato.

 Un giorno tutto questo sarà finito ed allora riprenderemo la nostra vita, riprenderemo il nostro lavoro lasciato a metà e la nostra bocca sarà colma del sapore della libertà.

 E quando la tempesta sarà passata potremo guardarci indietro e tutto resterà un vivo ricordo: ci ritroveremo più forti e vedremo un grande sole ad irradiare il nostro futuro che ci brillerà davanti! Perché il sole segue sempre la tempesta!

E impareremo a saper cogliere le nuove occasioni, forti della nostra esperienza passata, così da poter dire: "Io c'ero!".

Noi studenti stiamo ricevendo una grande lezione che non necessita di pagelle: la nostra abilità sarà poi nel metterla in pratica, per raccogliere i frutti nascosti dell'albero della vita!

Letto 114 volte
Effettua il Login per inserire i tuoi commenti