Sabato, 16 Ottobre 2021 06:36

GIORNATA MONDIALE DELL’ALIMENTAZIONE 2021

Scritto da
Valuta questo articolo
(4 voti)

LE SFIDE CHE CI ATTENDONO

Il 16 ottobre di ogni anno si celebra la “Giornata Mondiale dell’Alimentazione” per commemorare la nascita della FAO, l’Agenzia dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura.

L’ITS Bianchini ha sempre messo al centro della sua azione educativa e formativa il tema della sana alimentazione e dei corretti stili di vita e i temi della fame nel mondo, del rapporto tra nutrizione e povertà, del futuro del nostro pianeta e dello sviluppo sostenibile.

Pertanto, è opportuno, oggi, in relazione a questo evento celebrativo fare una riflessione sulle nuove sfide che attendono tutti noi – i governi, le organizzazioni mondiali e locali, le associazioni, le istituzioni in genere, ma anche i singoli cittadini – relativamente alle nuove e pressanti emergenze che vengono poste alla nostra attenzione dalla “Giornata Mondiale dell’Alimentazione”.

Tanto più che l’Italia sta assumendo un ruolo sempre più centrale negli incontri che si tengono a livello internazionale per affrontare i problemi posti dai cambiamenti climatici che hanno un effetto immediato sui sistemi alimentari. A partire dal vertice sui sistemi alimentari da poco tenutosi a Roma e dalla "Cop26” sul clima, che vede coinvolta l'Italia in partenariato con il Regno Unito e che, come ha affermato il nostro Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, “costituirà una tappa importante di un percorso di attenzione al rapporto tra nutrizione e cura dell'ambiente, tema essenziale se vogliamo consegnare alle giovani generazioni un futuro ricco di opportunità".

Dunque, sono tanti i temi di importanza mondiale, ma che hanno un immediato riflesso sulle nostre vite individuali, che si intrecciano in una congiuntura sfavorevole a causa della crisi climatica e della pandemia: la trasformazione in senso sostenibile dei sistemi alimentari; le urgenze dello spettro della fame nel mondo e della malnutrizione; la sicurezza alimentare e l’alimentazione sicura, buona, eticamente giusta e pulita. Tutto questo lo ha ricordato anche Papa Francesco in un messaggio al Direttore generale della FAO Qu Dongyu: “c’è il bisogno di un'azione congiunta affinché tutti abbiano accesso a un'alimentazione che garantisca la massima sostenibilità ambientale e che inoltre sia adeguata e a un prezzo accessibile. Ognuno di noi ha una funzione da svolgere nella trasformazione dei sistemi alimentari a beneficio delle persone e del pianeta. In tal senso, il prezioso contributo dei piccoli produttori è fondamentale e occorre facilitare il loro accesso all'innovazione che, applicata al settore agroalimentare, può rafforzare la resistenza al cambiamento climatico, aumentare la produzione di cibo e sostenere quanti lavorano nella catena di valore alimentare. La lotta contro la fame esige di superare la fredda logica del mercato, incentrata avidamente sul mero beneficio economico e sulla riduzione del cibo a una merce come tante, e rafforzare la logica della solidarietà".

Le parole del Papa riportano al centro della nostra riflessione e delle nostre azioni l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. In un momento storico in cui il 40 % dell'umanità non può permettersi una dieta corretta, sana e sicura, e cresce, paradossalmente, il problema dell’obesità e dello spreco di cibo nei paesi sviluppati.

La Giornata Mondiale dell’Alimentazione, in un momento storico decisivo per il nostro futuro e quello delle nuove generazioni, ci ricorda una cosa: “Le nostre azioni sono il nostro futuro”. Le trasformazioni in senso sostenibile dei sistemi agroalimentari e i nostri comportamenti individuali saranno il nostro futuro.

Letto 104 volte
Altri articoli in questa categoria: « “PULIAMO IL MONDO 2021” TORNA A TERRACINA
Effettua il Login per inserire i tuoi commenti