Stampa questa pagina
Lunedì, 24 Aprile 2017 20:02

CELEBRIAMO LA FESTA DEL 25 APRILE. IL SIMBOLO DELL’ITALIA DEMOCRATICA

Scritto da
Valuta questo articolo
(4 voti)

Quella del 25 aprile è una festa importante

Quella del 25 aprile è una festa importante. Non avrebbe nemmeno molto senso la Festa della Repubblica del 2 giugno se non celebrassimo nel suo pieno significato e valore la ricorrenza della liberazione della nostra Patria, l’Italia, da venti anni di dittatura fascista e da cinque anni di guerra e di occupazione straniera nazista.

Nella primavera del 1945 gli eserciti alleati americani, inglesi e russi sferrarono l’offensiva decisiva contro la Germania su tutti i fronti. Gli inglesi e gli americani, dopo la riuscita dell’”Operazione Overlord”, lo sbarco in Normandia, procedettero da ovest verso la Germania; l’armata rossa dopo aver liberato la Polonia e occupato la Prussia procedette verso Berlino. Proprio il 25 aprile le avanguardie dei due schieramenti si incontrarono sul fiume Elba.

Intanto in Italia gli anglo americani superarono la linea gotica dirigendosi verso la pianura padana, mentre, prima dell’arrivo degli alleati, tutte le città del nord che avevano subito le violenze e i soprusi dei repubblichini di Salò, furono liberate dai partigiani del CLN dell’alta Italia. Il Comitato di Liberazione Nazionale, presieduto da Ivanoe Bonomi, era stato creato nel 1943 da tutti i partiti democratici ed antifascisti che si erano riorganizzati dopo la caduta del fascismo il 25 luglio e l’armistizio dell’8 settembre. Dunque, dal Partito Comunista e Socialista, dal Partito d’Azione, dalla Democrazia Cristiana, dal Partito Liberale e dalla Democrazia del Lavoro. Il CLN era l’organismo che riuniva le varie componenti della resistenza al nazifascismo, che collegava i diversi gruppi partigiani tra cui i più importanti erano le Brigate Garibaldi di orientamento comunista; le Brigate Giustizia e Libertà vicine al Partito d’azione; le formazioni di orientamento monarchico; le Brigate del Popolo di orientamento cattolico e vicine alla Democrazia Cristiana. La battaglia per la libertà era la battaglia di tutti e più di tutto rappresentava il desiderio di un popolo di ritrovare la pace e la dignità. Il 25 aprile del 1945 l’Italia fu restituita al suo popolo dalle formazioni partigiane, dal CLN che nel suo programma aveva la rifondazione dello Stato Italiano su basi democratiche.

Negli ultimi anni, abbiamo assistito al continuo tentativo delle forze politiche di destra, e purtroppo anche di alcuni governi dimentichi del loro ruolo istituzionale, di delegittimare la Festa del 25 aprile; di cancellarne il suo significato profondo di momento fondante della democrazia nel nostro paese, di base per il patto costituzionale su cui poggia la Repubblica. Demolire l’antifascismo e la resistenza è stata la parola d’ordine di buona parte dell’attuale ceto politico e di alcuni giornalisti autoproclamatisi storici che ne hanno strumentalmente nascosto la purezza, il sacrificio, il suo essere portatrice di ideali e valori necessari per la costruzione di un mondo migliore. Lo hanno compreso alcuni Presidenti della Repubblica che hanno difeso e messo al centro della storia italiana il 25 aprile: da Saragat a Pertini a Scalfaro a Ciampi a Napolitano. Dove devono guardare i giovani di oggi per recuperare la loro consapevolezza di essere cittadini di una società che altri, con il loro sacrificio ci hanno consegnato democratica; rispettosa della libertà di parola e di opinione e della dignità della persona; portatrice di giustizia, tolleranza, solidarietà? Forse alla deriva morale ed etica, all’egoismo, alla corruzione, al lassismo, alla fine della bellezza e all’odio che monta intorno a noi? Ancora di più, oggi, la Festa della Liberazione è una occasione di riflessione, di consapevolezza e di dibattito per ritrovare l’unione di tutti attorno ai valori migliori della nostra storia.      

 

Link utili:

 http://www.anpi.it/eventi/1147/festa-della-liberazione-latina

http://www.latinaquotidiano.it/festa-della-liberazione-gli-eventi-in-provincia-le-celebrazioni-a-latina-cisterna-e-aprilia/

 

 

Letto 646 volte Ultima modifica Mercoledì, 26 Aprile 2017 16:38
Effettua il Login per inserire i tuoi commenti